vai alla pagina mediatorna alle produzioni

Storia di Colapesce, 'na Tarantellamara

Generale

Regia e coreografia Flavia Bucciero Musica Antonello Paliotti

esegue Antonello Paliotti Quartet Antonello Paliotti (chitarra e chitarra battente) Michele De Martino ( mandolino e mandola) Mauro Fagiani ( violoncello) Maddalena Abbate ( castagnette )

Danzatori interpreti Franco Corsi (Colapesce), Sabrina Davini, Laura Feresin, Marta Sbranti (fauna marina), Flavia Bucciero (madre)

Costumi Lucia Castellana

Immagini video Massimiliano Turini

Disegno luci Riccardo Tonelli

La storia di Colapesce è una leggenda tramandata da materiali orali e scritti di origine siciliana, napoletana e spagnola, raccolti e elaborati dallo scrittore Giuseppe Pitrè, da Benedetto Croce, da Italo Calvino, dalla filologa Maria D’Agostino, e che vanta riferimenti a Cervantes, Pontano, Salimbene. Nicola Pesce, o Colapesce, o Pesce Nicolò, è un ragazzo che trascorre tutto il suo tempo nel mare: la madre, esasperata, scaglia contro di lui la terribile maledizione “…che tu possa diventare un pesce!”. E così fu. Lo spettacolo si ambienta sotto il fondo del mare, che nella coreografia diviene metafora di un mondo parallelo, in cui è possibile distinguere ciò che nella realtà è difficile riconoscere. Colapesce vi si aggira, alla scoperta di sentimenti ed emozioni sconosciuti. I ritmi della tarantella e della tradizione musicale mediterranea accompagnano il suo percorso di conoscenza, interpretati dal vivo da Antonello Paliotti Quartet, sono concepiti in maniera originale, e filtrati attraverso una sensibilità contemporanea.

Produzione 2011 Consorzio Coreografi Danza d’Autore, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa

vai alla pagina mediatorna alle produzioni